Rassegna sulla conferenza stampa

Rassegna sulla conferenza stampa

By | 2017-12-05T16:19:02+00:00 dicembre 5th, 2017|

04 dic 13:09 – ANSA_

*Ue:Grandi, pdl per togliere pareggio bilancio da Costituzione*
 
Via a raccolta firme. Azzariti, salvaguardare diritti persona    (ANSA) – ROMA, 4 DIC – Nel giorno dell`anniversario della vittoria del No al referendum il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale lancia la raccolta firme per una legge di iniziativa popolare che ha l`obiettivo di eliminare il vincolo del pareggio di bilancio dalla Carta. “Abbiamo presentato oggi il testo in cassazione e contiamo di portare la proposta di legge al prossimo Parlamento”, spiega Alfiero Grandi in una conferenza stampa a Montecitorio alla quale hanno preso parte, tra gli altri, il professore di Diritto Costituzionale Gaetano Azzariti – che ha redatto il testo – e il deputato di Sinistra Italiana Stefano Fassina.   La proposta punta alla modifica degli articoli 81, 97, 117 e 119 della Costituzione che riguardano l`equilibrio di bilancio.Suo obiettivo e` “salvaguardare i diritti fondamentali della persona”. “Il limite a qualsiasi governo e` il rispetto dei diritti fondamentali” e nel testo “sono bastate sette parole” per “cambiare con sapienza” la Costituzione: “rispetto dei diritti fondamentali”, spiega Azzariti sottolineando come, in tal modo, “abbiamo messo prima i diritti della persona rispetto ai principi economici, abbiamo esplicitato un concetto” gia` contenuto nella Carta. (ANSA).
 
ESP04-DIC-17 13:09 NNNN
_04 dic 13:26 – ANSA_
*Referendum:Grandi, Renzi lo rifarebbe? Perseverare diabolico*
 
Battaglia per cambiare Rosatellum, anche con quesiti abrogativi    (ANSA) – ROMA, 4 DIC – “Renzi alla Leopolda ha detto che il referendum lo rifarebbe ed e` un passaggio molto grave perche` ancora una volta non cerca di capire le motivazioni di chi ha lavorato per il No. Renzi non ha mai affrontato il tema del perche` ha perso e perseverare e` diabolico”. Lo sottolinea, nel corso di una conferenza stampa a Montecitorio, Alfiero Grandi, vice presidente del Comitato per il NO ai tempi del referendum e oggi a capo del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale.  Grandi oggi punta il dito contro l`attuale legge elettorale, “grave innanzitutto per il metodo con cui e` stata approvata,a causa del quale il Parlamento non ha potuto aprire bocca”, sottolinea. Per Grandi, con il Rosatellum “il prossimo Parlamento sara` comunque di nominati” e per questo il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale lancia la sua battaglia: “elaboreremo una proposta popolare che punta a ridare agli elettori il diritto di scegliere i propri rappresentanti” e “se non saremo ascoltati e` “possibile” che si possa mettere in campo anche “un referendum abrogativo di alcune parti della legge. Non sara` facile ma pensiamo che ci possa essere lo spazio”, spiega ancora Grandi. (ANSA).     ESP04-DIC-17 13:26 NNNN
 
ADN KRONOS
 
_04 dic 13:32 – ADNKRONOS_
*L.ELETTORALE: GRANDI, PRONTI A REFERENDUM ABROGATIVO SUL ROSATELLUM (2) =*
 
(AdnKronos) – “Concludendo la Leopolda – ha infatti ricordato Grandi – parlando della riforma costituzionale bocciata dai cittadini con il  referendum del 4 dicembre, Renzi ha detto che `la rifarebbe domani  mattina`. Questa è una cosa politicamente molto grave, perché Renzi,  pur avendo perso senza appello, si rifiuta di accettare il risultato”.      Un atteggiamento, confermato dall`approvazione ottenuta a colpi di  maggioranza con 8 voti di fiducia, del Rosatellum. “Questa legge  elettorale, riteniamo sia il tentativo di proseguire come se nulla  fosse accaduto il 4 dicembre, in spregio al verdetto del referendum  costituzionale, imponendo un sistema che riproporrà i parlamentari  nominati e che non garantirà nemmeno la governabilità, nè una  maggioranza in grado di governare”.      “Attenzione, il 4 dicembre di un anno fa i cittadini hanno detto con  chiarezza che la Costituzione è questa e che non va cambiata. Chi ci  vuole rimettere le mani deve fare i conti con questo dato di fatto.Non c`è niente di peggio di non voler capire, anzi di andare contro  l`opinione espressa dalla maggioranza dei cittadini. Ecco il motivo  per il quale noi abbiamo deciso di rimanere in campo, con iniziative  determinate. Proprio per questo – ha concluso – riteniamo che  raccogliere le firme per due leggi di iniziativa popolare sul pareggio di bilancio e sulla riforma della scuola”.
 
(Ruf/AdnKronos)ISSN 2465 – 12204-DIC-17 13:32 .NNNN

About the Author: