Loading...
Home 2017-10-26T12:32:32+00:00

Coordinamento per la democrazia costituzionale

Siamo una parte di quel popolo che ha impedito le deformazioni tentate da Renzi sulla Costituzione e da sempre in campo per una legge elettorale pienamente costituzionale. I nostri comitati, che durante la campagna referendaria sono stati oltre 700 in tutto il paese e nel mondo, sono composti da costituzionalisti, avvocati, associazioni,  studenti, insegnanti, pensionati, precari, lavoratori, cittadini comuni, artisti ed intellettuali che hanno deciso di impegnarsi in questa lotta in difesa della democrazia partecipativa e dei valori fondamentali della nostra Carta Costituzionale fermandone lo stravolgimento nel referendum del 4 dicembre. Abbiamo però deciso di non fermarci ma di proseguire la nostra battaglia per l’attuazione della costituzione.
Vogliamo essere parte della battaglie sociali e democratiche che si sviluppano in questo paese e che vanno nella direzione dell’attuazione della nostra carta costituzionale.

Scopri chi siamo

Iscrivi alla newsletter del coordinamento

UNA LEGGE ELETTORALE
COSTITUZIONALE PROPORZIONALE

Firma la petizione
LEGGI TUTTO

LA NOSTRA STORIA

Il comitato del No al referendum costituzionale del 4 Dicembre 2016 e il comitato referendario contro l’italicum

CAMPAGNE

Le nostre campagne per applicare la costituzione

guarda tutte le campagne

NOTIZIE E INTERVENTI

1511, 2018

Alfiero Grandi. Dal condono di Ischia alla modifica della Costituzione per introdurre il vincolo di mandato?

By | novembre 15th, 2018|

Alfiero Grandi. Dal condono di Ischia alla modifica della Costituzione per introdurre il vincolo di mandato? Come era inevitabile stanno emergendo tensioni nella maggioranza parlamentare e soprattutto nel M5Stelle sui provvedimenti. La ragione di governo,

1511, 2018

Alfiero Grandi. Il decreto Salvini è un punto di svolta nell’equilibrio interno al governo e per ora la Lega sembra esercitare un’egemonia

By | novembre 15th, 2018|

Il decreto Salvini è stato approvato dal Senato con voto di fiducia. Il voto di fiducia è servito per imporre l’approvazione di questo testo ai senatori 5 Stelle, al cui interno c’è forte malessere. Malgrado

Leggi tutti gli articoli